BLOG

30 Aprile 2009

Mario Merelli: il racconto

Inserito in News da Stefano

Mario e i compagni sono di nuovo al base. Fatica e dolore, queste le parole che trapelano dal racconto di Mario

“… Adesso stiamo bene…”Inizia così il racconto di Mario. Marco Rusconi si è ripreso e pare non ci sia più nessun problema. L’altra mattina abbiamo lasciato Campo 3 prestissimo, tutti tranne Giuseppe Antonelli che invece è sceso con uno sherpa poichè non era proprio in forma.

La salita si è rivelata molto difficile anche dopo aver superato la parte di ghiaccio verde che avevano attrezzato. Hanno continuato, ma il freddo e il vento erano qualcosa di indescrivibile. Era tardi. Così hanno deciso di tornare. Mario era a 100 metri dalla vetta.

Sono rientrati a campo 3 esausti. Hanno riposato. Poi ieri mattina quando stavano smontando le tende, si accorgono che Marco Rusconi non stava bene. Così iniziano la discesa, calando l’amico da campo 2 all’1, mentre le sue condizioni peggioravano. E al campo 2 sono venuti a conoscenza anche della morte di Giuseppe.  Durante la discesa, fondamentale è stato il supporto degli altri alpinisti: i ragazzi della Val Sesia, i membri della spedizione Andalusa, i medici della spedizione di Carlos (che hanno tempestivamente curato Marco Rusconi), infine il gesto di due alpinisti iraniani, tornati indietro per aiutare i nostri amici. Una solidarietà pazzesca!!

Tra qualche giorno smonteranno le tende al base e poi si organizzeranno per rientrare. 

A volte anche quelle montagne definite “facili”, riservano invece dure prove


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*