BLOG

1 Aprile 2009

Mario Merelli: continuando a salire

Inserito in News da Stefano

I nostri amici continuano a guadagnare quota, sempre seguendo il corso del fiume, passando alternativamente sulle due sponde.

Il percorso è ancora abbastanza ripido mentre la presenza dei simboli buddhisti si fa più consistente; qui si inizia ad incontrare lunghi muri Mani, cioè cumuli di pietra incise con preghiere e figure, accatastate ordinatamente a formare muri sacri, che per rispetto devono essere tenuti sulla destra quando si cammina. Per giungere al posto dove hanno dormito, il villaggio di Namrung, a 2.570 metri di quota, Mario e gli altri hanno attraversato un magnifico bosco di di cedri Deodora secolari, alti fino a 25 metri.

Il giorno seguente, dopo aver controllato i permessi, hanno ripreso il cammino. Sopra Namrung la valle si apre e si estende un’ampia zona di pascoli, e il percorso si fa più dolce. Dopo non molto si incontra il fiume impetuoso che scende dal ghiacciaio Lidanda. Da qui la prima vista sul Manaslu Nord e sul Manaslu principale…

Dopo aver attraversato il grosso villaggio di Lho, 3.150 metri, col suo bel monastero, il sentiero piega a sinistra, raggiungendo prima Honsanbo Gompa, situato sulla parte finale del ghiaccio Pungen e infine il villaggio di Sama Gaon che sorge a 3.400 metri, circondato da campi di patate e da una foresta.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*