BLOG

30 Giugno 2010

Riassunto dal Diario di viaggio del Thru-Hiker Andreino Zonta – Appalachian Trail 2010

Inserito in News da Stefano

Parto da casa accompagnato dalla mia famiglia alle 3 di mattina del 12 aprile 2010. Il volo da Venezia per Francoforte ha già mezzora di ritardo, e da Francoforte per Atlanta addirittura un’ora; ma viene recuperata tutta ed arrivo in orario a destinazione. Arrivo in terra americana e mi controllano subito lo zaino, perquisizioni di routine ma mi mette già un po’ d’ansia perchè mi ritarda tutto il programma. Risolto tutto fortunatamente bene, prendo la metropolitana a Marta Station che in meno di un’ora mi porta a North Spring dove verrà a prendermi Josh dell’ostello, dove pernotterò i primi due giorni. Inizio gi a conoscere gente simpatica e disponibile ad aiutarmi in qualsiasi situazione, anche nel gesto più semplice aiutandomi a fare il biglietto della metro. Sono frastornato dal viaggio e dall’agitazione che mi è presa nei giorni prima della partenza, anche se non lo dimostro facilmente. Finalmente incontro Josh, e prima di portarmi all’ostello ci fermiamo a prendere una scheda telefonica che mi permetta di chiamare l’Italia a costi non proprio esorbitanti. Gentilissimo, io non gli ho chiesto niente, ma dall’Italia la mia famiglia gli aveva chiesto via mail di aiutarmi in questo, io sono negato con la tecnologia, telefoni, macchine digitali. Purtroppo non potrò farne a meno in questo mio viaggio. Mi adatto già alle abitudini americane ordinando il classico menù stile McDonald direttamente dalla macchina. Qui sono ormai le 9.30 p.m. (di sera) mentre in Italia sono già avanti di 6 ore. Posso quindi dire, come i giovani moderni, di aver fatto un dritto di 24ore e le sento tutte. Non riesco a riposare bene, per il caldo del giorno, per la stanchezza ma soprattutto per il “pizzico” di nervosismo che mi pervade. Il giorno seguente ho fatto colazione con degli escursionisti che sarebbero partiti lo stesso giorno, mentre io invece lo dedico a riposarmi, a prepararmi fisicamente e mentalmente alla partenza e per gli ultimi acquisti indispensabili per il prossimi mesi: un bel materassino superleggero ma super dollaroso e le vettovaglie.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*